foto1
foto1
foto1
foto1
foto1
Un caro saluto a tutti, mi chiamo Giuseppe Augello e sono un esperto in massofisioterapia, riabilitazione, rieducazione funzionale e molto altro ancora. Vi dico questo non per vantarmi come professionista ma per farvi sapere che ho le competenze per poter dare molte risposte a molti di voi.

"ABBIAMO SOLO UN CORPO, DOBBIAMO TRATTARLO COME UN TEMPIO"

 

Per mobilizzazione articolare si intende la variazione dell'angolo di movimento a carico di una articolazione, a partire da una posizione iniziale e secondo gli assi ed i piani su cui tale movimento può essere eseguito.

Essa può essere di diversi tipi: si parla di mobilizzazione attiva quando la variazione dell'angolo di movimento è causato dall'attività contrattile dei muscoli scheletrici, i quali si inseriscono sui capi ossei che compongono l'articolazione; la mobilizzazione attiva-assistita è una mobilizzazione attiva che avviene in associazione al controllo manuale da parte del fisioterapista; la mobilizzazione passiva si determina grazie all'applicazione dall'esterno di una forza che determina una variazione dell'angolo articolare, (tale forza può essere applicata dal fisioterapista, mediante opportune prese articolari, da un apparato meccanico provvisto di leve mobili o semplicemente dal peso esercitato dalla forza di gravità (come avviene nello squat).

Odeon TV logo c

facebook